Filosofia del Karma

Filosofia del Karma

La parola Karma viene dalla radice sanscrita √kṛ (fare). Nel vocabolario troviamo la voce karman che è un sostantivo neutro indicante le seguenti accezioni:

  • azione che consiste in un movimento.
  • ogni atto rituale (come sacrifici, oblazioni, e così via, specialmente eseguiti con la speranza di ottenere una futura ricompensa).
  • atto precedentemente fatto che porta nel presente ad un inevitabile risultato
  • fato, destino (generato da atti compiuti in vite precedenti).
  • occupazione, particolare dovere.
  • prodotto, risultato, effetto.
  • lavoro, attività.

domino.png

Possiamo definire e spiegare la Legge del Karma nei seguenti modi:

  • Nella fisica si parla del Terzo Principio della Dinamica, che non è nient’altro che la legge del Karma localizzata/applicata alla materia più grossolana. “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”.
  • La Legge del Karma è la legge sottile che opera sotto tutti gli aspetti di questo mondo. Non solo gli elementi grossolani sono legati al principio di azione e reazione, ma anche le energie, la psiche e tutte le realtà (facenti sempre parte di questo mondo fenomenico) sottili.
  • L’universo è un Sistema Completo, e come tale tende all’Equilibrio, è un sistema Ordinato (Cosmo dal greco kosmos significa ordine) ed intelligente o gestito da intelligenza, un Motore Primo.
  • Siamo parte di un tutto e siamo interdipendenti col tutto. Quando ci dimentichiamo questa naturale legge agiamo in disequilibrio e in modo innaturale. Ciò produce sofferenza e situazioni spiacevoli.
  • Ogni nostra azione interferisce sull’equilibrio del Sistema Completo e il Sistema, riportandosi all’equilibrio, produce una Reazione “uguale e contraria”. Questa è la Legge del Karma.
  • La risposta alle nostre azioni è anche un Insegnamento. Questo perché la Reazione ci spinge a trovare l’equilibrio in noi con riferimento all’equilibrio Sistema Completo, di cui facciamo parte. Per questo possiamo vedere la vita come una Scuola.
  • Il Dharma è la sottile legge dell’universo, è intrinseca ad esso proprio come la legge di gravità. Si basa sulla giustizia e come la legge di gravità funziona per tutti, sia che ne siamo consapevoli che inconsapevoli.

  • Essendo il Dharma legato all’etica, è il Dharma che ci induce (tramite sofferenza e piacere) a imparare a diventare persone migliori.